Questa sera ho avuto l’onore di verificare sulla mia pelle chi siano e cosa siano in grado di scrivere i famosi “leoni da tastiera“, soggetti non meglio identificati in grado di inondare di odio e di veleno le pagine web e le bacheche dei social.

Ho pubblicato intorno alle 19 un commento che mi è venuto spontaneo dopo aver letto una dichiarazione del segretario del PD, Maurizio Martina. Nella classifica dei politici che stimo nel mondo credo che Martina sia superato anche dal ministro della giustizia del Congo Belga, di cui in realtà non conosco bene l’identità.

Condividi:
Tempo di lettura:5 min