APPLE MUSIC LIVE E’ LA MILANO CHE HO SEMPRE SOGNATO

L’altra sera ho partecipato alla serata Apple Music Live durante la quale si è esibito Daniele Silvestri.

E’ stata la quarta serata di una serie che arriverà fino a dopo l’estate, che ha già visto protagonisti Marco Mengoni, Gazzelle, i musicisti di Piano City Milano e ultimo in ordine di tempo proprio Daniele Silvestri,

APPLE MUSIC LIVE

Se devo proprio dirla tutta, non parliamo del mio artista preferito, ho partecipato più per curiosità che per passione, ma alla fine è stata una serata bellissima, pur con la temperatura che faceva pensare di essere nel centro di Baghdad piuttosto che in quello di Milano.

Daniele è stato bravissimo: un impatto morbido, quasi “jazzy” per un repertorio di circa un’ora in cui ha concentrato le sue proposte più interessanti, riviste in una chiave molto gradevole che si calava perfettamente in un contesto che avrebbe fatto invidia a qualunque altra grande città europea.

APPLE MUSIC LIVE

Mentre ascoltavo le note de “le cose che abbiamo in comune” mi guardavo in giro nella rinnovata piazza Liberty e sembrava davvero un film.

Una piazza pulitissima, con un evento super ordinato in un contesto che è una celebrazione del bello. Chi avrebbe potuto immaginare che quell’angolo “oscuro” del centro potesse diventare qualcosa di simile?

Musica gratis, all’aperto, con un’audio eccellente in uno spazio che è di tutti.

Io la città la immagino così, se mi avessero detto vent’anni fa che Milano si sarebbe trasformata in questo modo, probabilmente avrei chiamato la neuro.

APPLE MUSIC LIVE

E invece eccoci qui, seduti sui gradoni infuocati di una piazza dove ancora una volta è stato compiuto il miracolo di trasformare un negozio dove si vendono telefoni in uno spazio che i turisti vengono a fotografare.

Aggiungete una colonna sonora come quella di Daniele Silvestri e sembra davvero un film. Ma è solo un giovedì di Apple Music Live.

Fossi un voi, un saltino ad uno dei prossimi eventi lo farei.