Categorie
Immagini storie

Pezzi di storia

20121006-131232.jpg

Ho trovato un’auto circolante più vecchia e più tamarra di quella di Grant. Ma anche quella sotto non scherza.

20121006-131511.jpg

La mia prossima auto sarà questa!

20121006-133653.jpg

Guardate il tachimetro: temerari!!! Da 0 a 140 in tre minuti, da 140 a 0 in tre ore!!!!

20121006-135611.jpg

Categorie
storie

Scusi, mi fa il pieno?

20121003-124830.jpg

Categorie
storie

Avviso ai giocatori dell’Atalanta

Perdere è cosa che capita. Perdere prendendo cinque goal è peggio. Ma capita pure quello.

Però la prossima volta che vi viene un’idea del genere, poi il lunedì in ufficio ci andate voi. Il prossimo che mi passa davanti canticchiando la musichetta di Canale 5 prende due schiaffi.

Il prossimo che mi manda una foto di Chanel N.5 si prende un vaff…

Io qui a sopportare tutti i dementi in vena di scherzi. E voi ieri sera sarete stati in discoteca a fare festa.

Categorie
opinioni

Latitanza

Ieri qualcuno mi ha scritto chiedendo che fine ho fatto. Basta qualche giorno senza blog, facebook e twitter per “scomparire”. Prima di tutto ringrazio chi ha avuto la cortesia e il pensiero gentile di chiedermelo.

Tutto bene, grazie: sono incappato in uno di quei momenti in cui, molto semplicemente, non avevo niente da dire. Forse perché mi sto rendendo conto che costruirsi dei nemici o comunque persone che non ti apprezzano al 100% è facilissimo se solo accenni a qualche ragionato pensiero.

Basti sapere che la mia spassionata analisi sul successo di un evento nella mia città ha procurato una minaccia di querela da un grande avvocato che è anche un grande (?) politico in ambito locale. Il metodo Sallusti pare essere il nuovo modo che i prepotenti hanno scelto di adottare per non sentirsi dire ciò che forse può minare quella sorta di dipendenza, di sudditismo che abbiamo nei confronti dei nostri rappresentanti.

Tu mi diffami!!! E io ti querelo. Una volta uno rispondeva con una logica motivata, quella delle idee, oggi con la minaccia di querela. Tutto sommato, davanti all’opportunità di spendere per una causa, per un eventuale risarcimento e tutto il resto, uno pensa: vabbè, ma a me che cozza frega? Lasciamo perdere…

Penso che sia esattamente ciò che succedeva in epoca fascista. Allora erano le botte la strada più diretta per dissuadere “gli oppositori”, ora le minacce di querela, soprattutto quando si è in una posizione di forza assoluta. W la democrazia di twitter.

In un contesto così, è ovvio che uno di diverta di più a giocare con l’iPhone 5.

 

 

Categorie
Immagini storie viaggi

Stiamo invadendo il pianeta

image

L’immagine parla da sola. La diffusione del verbo atalantino passa anche da londra

Categorie
opinioni

La politica delle piccole menti

Ricordate questa immagine?

volendo, la potete trovare qui, nell’articolo che avevo dedicato  ad un evento molto carino che si tiene ormai da un paio di anni in piazza vecchia, uno dei simboli della città. Ho messo questa e un po’ di altre foto per dare testimonianza di un evento bellissimo, che ha riscosso un successo di pubblico incredibile.

La manifestazione è finita giusto qualche giorno fa ed ecco che la lista di minoranza in comune presenta questo documento:

 “Premesso:

– che anche quest’anno è stato allestito in Piazza Vecchia un grande giardino in occasione della importante e significativa manifestazione internazionale denominata “I Maestri del paesaggio – International meeting of the landscape and garden” organizzata, dal 30 agosto al 16 settembre, da Arketipos in collaborazione con questa Amministrazione Comunale;

– che tale allestimento, soprattutto se non effettuato in modo occasionale, ma ripetuto, come sta accadendo, anno dopo anno, suscita perplessità sia perché appare scarsamente compatibile con le caratteristiche architettoniche e monumentali di Piazza Vecchia e sia perché, comunque e soprattutto, impedisce ai turisti italiani e stranieri di visitare e contemplare, così come è, una delle più belle piazze italiane ed europee e di coglierne quindi appieno la bellezza ed il significato storico;

– che inoltre ciò avviene in uno dei periodi di maggiore affluenza turistica;

– che vi sono altre piazze cittadine che meglio si prestano alla realizzazione dell’allestimento sopra menzionato e che verrebbero in tal modo proposte all’attenzione e così valorizzate; tanto premesso, il Consiglio Comunale raccomanda al Sindaco ed alla Giunta di proporre agli organizzatori, in occasione delle prossime edizioni dell’”International meeting of the landscape and garden”, altri siti della nostra città, diversi da Piazza Vecchia”.

Qualcosa mi sfugge. Il “popolo” ha dato segnale di apprezzare la manifestazione riversandosi in città alta e popolando la piazza anche in giorni in cui di solito la città è completamente deserta. (ecco una foto del lunedì sera in piazza)

Ho una formazione antica per cui quelli che si siedono dentro il comune sono “delegati” del popolo, non il contrario. Quindi dovrebbero portare al consiglio comunale le istanze della popolazione, non giocare con polemiche politiche che lasciano onestamente il tempo che trovano.

Non riesco a capire quale possa essere il motivo di una petizione del genere: incompetenza, scarso acume politico, ridotta lucidità? Da qualche parte una risposta ci deve pur essere, al momento mi sfugge. L’uso della logica non mi aiuta a capire polemiche così sterili e (soprattutto) per iniziative che nulla hanno a che vedere con il volere dei cittadini.

C’è che dice che la piazza non è nata per essere un giardino: qui non parliamo di una deturpazione permanente, parliamo di un’operazione che vuole essere una dimostrazione di come il verde possa incidere nella vivibilità di una città e, nel piccolo, in uno spazio specifico della città. Dura dieci giorni e poi se ne va: chi oggi urla al misfatto quante volte ha fatto passare settimane prima di tornare in città alta?!?

E c’è chi urla allo scempio perché è stato aperto un temporary store al lavatoio, altro simbolo di città alta. (richiamo con foto)

Ma io non posso pensare che ci sia qualcuno di così immobile e ottuso in questa città. Il “temporary store” era un negozio biologico a km zero, per promuovere una cultura che ha molto del tempo in cui quel lavatoio veniva usato tutti i giorni.

e per inciso ha portato al lavatoio persone che non sapevano nemmeno che esistesse. BASTA POLEMICHE, BASTA!!!!

occupatevi dei problemi della città, è per questo che siete stati DELEGATI, forse è ora di ritirare quella delega, è evidente che (da una parte e dall’altra) non siate capaci di usarla.