Categorie
storie viaggi

Un po’ di leggerezza: Golf Club Chervo’

Lo so, sembra un po’ blasfemo unire le due cose, mettere le foto delle aree terremotate e poi parlarvi del paradiso, ma non è che possiamo fare una colpa a questi signori delle disgrazie altrui. Forse questa immagine rappresenta un po’ il paradosso della nostra strana vita. Le zone di mantova, modena, ferrara colpite dal terremoto sono tra i 100 e i 200 km dal posto che vedete fotografato.

si tratta del golf club chervò, località pozzolengo, a due passi dall’uscita di sirmione dell’autostrada. Onestamente, uno dei posti più belli che io abbia visto nel nord italia: manca solo una cosa perché il luogo diventi straordinario, ovvero una maggiore ricerca del design anzichè affidarsi allo stile barocco tipico dei posti da matrimonio.

Ma vi assicuro che per il resto questo è un ambiente da mille e una notte. Ho presentato un evento qui e ho approfittato per sfruttarne l’ospitalità.

Alla base c’è il golf club, costruito qualche anno fa, accanto al quale c’è la struttura che si vede in fotografia. La foto è scattata dalla club house del golf club, dove esiste anche un ristorante, ovviamente aperto anche agli esterni.

l’hotel è la meraviglia che vedete, agganciata anche ad un’area con residenze private. Una formula con un mix hotel/appartamenti in un contesto ricostruito per rispettare la fisionomia originale della zona. parte del resort è addirittura risalente a qualche secolo fa, mentre il resto è stato realizzato di recente con uno stile adatto al blocco storico.

La chiesetta viene usata nel weekend per le celebrazioni domenicali, ma diciamo che per essere un po’ blasfemi il primo rito della domenica si consuma alla colazione.

il contesto è stupendo ed incredibilmente rilassante. Altra zona bellissima è quella della piscina bionatura, che ha la sua caratteristica principale nella depurazione senza cloro.

vengono usati metodi alternativi per la pulizia dell’acqua evitando la chimica aggressiva.

Davvero un posto fantastico e per quanto ho visto, i prezzi non sono molto lontani da quelli che trovate per un qualunque hotel sul lago di garda, dove non è che abbiano la manina leggera. Non costa certo come una pensione a pietra ligure, ma è di gran lunga più conveniente di altri hotel molti più brutti che mi è capitato di vedere.

messo tra la mete preferite.

Categorie
storie

Insisto. Vietato dimenticare.

Questa immagine riassume bene il giro che ieri ho fatto a Cavezzo per incontrare l’amministrazione comunale in vista del concerto che l’apt di Camogli organizza il giorno 18 luglio sulla spiaggia per raccogliere fondi a favore della popolazione terremotata, a cui abbiamo aderito con grande piacere e anche con uno slancio propositivo importante.

Vorrei chiarire in primo luogo una cosa: perché Camogli.

La località ligure è gemellata con Cavezzo, per questo l’amministrazione ha espresso il desiderio di organizzare un evento a favore dell’area terremotata; tra le motivazioni dell’amministrazione ligure c’è anche la grandissima solidarietà messa in campo dalla popolazione emiliana per quella ligure dopo il recente alluvione. La mobilitazione della provincia di Genova è un modo per ricambiare la sensibilità dimostrata in passato da chi oggi soffre per il terremoto.

Altro dettaglio importante: come verranno utilizzati i soldi.

E’ stato chiesto al comune un elenco degli interventi urgenti per la popolazione, di quelli che hanno un impatto nella vita pratica.

Sono state individuati alcuni possibili interventi:

– la ristrutturazione della palestra

– la costruzione di un pallone pressostatico per attività sportive

– la ristrutturazione di scuola materna e asilo nido

 Ora l’impegno più grande è la ricerca di una formula perchè tutto ciò che viene raccolto sia usato velocemente e in modo assolutamente efficace ed efficiente.

Per chi può venire a camogli, tutto è molto semplice, basta comprare il biglietto di ingresso. Per chi non potrà esserci, si cercheranno altre formule di adesione, cercando le più immediate e semplici da usare.

Altro punto: perchè la palestra?!?

Perché è il posto dove i ragazzi delle scuole faranno attività fisica. Perché è il posto dove i ragazzi delle squadre giovanili fanno attività nel pomeriggio, perché l’attività fisica dei più giovani è una delle strade migliori per l’aggregazione e per il superamento del trauma del terremoto.

ieri era il 9 luglio. un mese e undici giorni dall’ultima scossa importante e queste persone hanno ancora una tenda come quella come casa. Dimenticare che ci sono persone in questa condizione è un reato peggiore di quello commesso da chi ha speculato sul terremoto a L’aquila. Noi ci proviamo, speriamo di non essere soli. Vedo un po’ di freddezza sul tempo, mi rattrista un po’.

Categorie
storie

Ricordate qualche settimana fa?

image

Quel palazzo non c’è più. Ma il disagio resta.

Sono a cavezzo, Modena, area di terremoto. Vi racconto con calma più tardi, ma certe immagini ti colpiscono.

Immaginatevi a dormire qui…

image

Categorie
storie

Cosa tocca fare per campare

Categorie
storie

Dove avete nascosto il bagno?

Categorie
storie

C’era un volta un video