La scorsa domenica ho raggiunto un risultato di cui sono particolarmente orgoglioso: con un breve viaggio a Matera ho visitato l’unica città italiana che ancora non avevo visto.

Matera, come probabilmente già saprete, è la capitale europea della cultura nel 2019 e rappresenta un ponte perfetto a cavallo tra i sassi e il 5G, che arriverà sperimentalmente nei prossimi mesi e che sarà installato in anteprima nella città lucana.

I sassi di Matera

I sassi di Matera: una storia incredibile

Quando ero più piccolo e sentivo parlare dei sassi di Matera, pensavo che la città avesse una zona in cui c’erano solo rocce e solo più tardi scoprii che in realtà con “sassi” si indicavano i quartieri dove le case erano in parte scavate nella roccia e in parte invece completate con opere di muratura.

Fu proprio in quella occasione che venni a conoscenza dell’incredibile evoluzione di quella zona della città che negli anni 50 venne svuotata per decreto. Circa 18.000 persone trasferite in modo più o meno coatto dalla loro residenza ad una nuova area della città costruita proprio per quell’esodo di massa.

Condividi:
Tempo di lettura:2 min

L’altro giorno, in occasione della presentazione del nuovo Huawei Mate 20 a Londra, passeggiavo nella zona di Canary Wharf, ho scoperto Everyman Cinema.

Condividi:
Tempo di lettura:3 min

Questo weekend ho passato un paio di giorni in una delle città più belle d’Italia, la Firenze che da ogni angolo del pianeta vogliono vedere per le meraviglie che offre al mondo intero.

Tornare dopo qualche anno è stato un piacere incredibile, lasciarsi travolgere dalla bellezza è sempre una sensazione meravigliosa.

Condividi:
Tempo di lettura:1 min

Mi capita ogni anno, tutte le volte che frequento la fiera dedicata alla tecnologia di Berlino, che si chiama IFA: quando torno, impiego un sacco di tempo per liberarmi dall’idea che quella sarebbe per me la città ideale in cui vivere, forse insieme a Barcellona.

Sì, lo so, mi piacciono i posti brutti. Ho questa malattia fin da piccolo.

Condividi:
Tempo di lettura:2 min

Durante le mie settimane di vacanza in Sicilia, ho scoperto una realtà davvero unica, è un’azienda agricola che si chiama Gli Aromi di Scicli ed è collocata nel breve percorso che da Scicli vi porta verso le spiagge di Sampieri, in provincia di Ragusa.

gli aromi scicli

E’ gestita da Enrico Russino con la sua famiglia, un imprenditore vulcanico che ha unito passione per la terra, con la capacità di generare un business alternativo a quella delle infinite file di pomodori che spesso vedete nelle serre di queste zone, quando non vi capita di vedere semplicemente serre vuote, perché quel mercato ormai non funziona più.

Condividi:
Tempo di lettura:3 min

Ho conosciuto da poco una realtà italiana davvero interessante: si chiama Allegroitalia, è di base a Torino e l’attività che svolge è gestire hotel, principalmente in Italia;  da qualche tempo è impegnata anche in Cina, nell’unica struttura con management italiano del paese del dragone.

Nell’ultimo fine di settimana prima di Natale, ho avuto modo di visitare la loro ultima struttura, nel senso che è l’ultima inaugurata in ordine di tempo, l’Alagna Palace, che prende il nome dall’omonima località della Valsesia, in provincia di Vercelli, alle pendici del Monte Rosa.

La struttura è stupenda: un condo-hotel con 50 appartamenti, con tagli diversi, abbinati ad un ristorante di ottima qualità e una spa molto accogliente con la piscina.

Uno dei dettagli interessanti è che l’alimentazione all’interno del ristorante è gestita secondo i principi della dieta alcalina, ovvero una selezione delle materie prime e della loro combinazione in grado di garantire un giusto livello di acidità nel nostro corpo.

La dieta alcalina viene considerata molto efficace per la prevenzione di malattie, ma anche un validissimo supporto alle terapie farmacologiche, anche con patologie gravi.

E’ un principio molto semplice di gestione dell’alimentazione, che oltre ad essere facile da seguire, perché non comporta grosse privazioni, ha risultati veloci.

Le zucchine sono alcaline, le melanzane no. L’aceto di mele è alcalino, quello di vino no. Il sedano, le mele, i cetrioli, l’avocado e l’uva sono alcalini. Ma l’elenco è lunghissimo, il bello di un weekend all’Alagna Palace è che alla selezione e combinazione delle materie prime ci pensano loro.

E se non bastano i cibi, anche l’acqua è alcalina, cosa che di solito non accade, perché quasi tutte le acque minerali hanno un tasso di acidità abbastanza alto.

Ma sto divagando rispetto al weekend: la struttura, come detto, è molto accogliente, con un trionfo del legno e dei colori caldi.

Legno che non solo troneggia nella struttura esterna, ma che la fa da padrone anche nell’allestimento degli appartamenti.

Nel mio caso, ero con la famiglia in una struttura su due piani semplicemente stupenda. Quello che vedete qui sopra è il salottino del piano inferiore, accanto al quale c’è la zona giorno con la cucina attrezzata.

Notevoli i dettagli dell’arredamento, a partire dai punti luce tutti di Artemide, come la Nuvi che vedete in sospensione sul tavolo.

Mi sono preso la libertà di scattare qualche immagine a 360 gradi, che più di ogni altra vi trasmette la percezione degli spazi.

Non è difficile comprendere la cura con cui questi spazi sono stati realizzati.

Tutti gli ambienti degli appartamenti sono confortevoli e molta attenzione è stata riposta sui materiali, dai materassi ai tessuti per cuscini e lenzuola.

Anche la cucina attrezzata offre ogni dotazione essenziale e anche di più, dato che sono disponibili lavastoviglie e macchina del caffè, oltre al piano cottura e al frigorifero.

Manca solo il bagno da mostrare perché  il quadro sia completo; per l’occasione ho evitato di comportarmi come a casa, dove appendo i calzini usati alle pareti.

Tutto chiaro quello che vi aspetta dentro l’Alagna Palace? In realtà vi dovrei raccontare anche dello spirito di Allegroitalia, la società che lo gestisce, i cui valori principali sono allegria, arte e amore per il made in Italy.

Allegria, perché le hall sono un vero e proprio centro del divertimento, arte perché ci sono in tutti gli hotel spazi dedicati agli artisti locali, che possono godere anche di convenzioni particolari, amore per il made in Italy perché negli Hotel ci sono spazi a tema e proposte per i clienti “connesse” con i grandi marchi italiani: Maserati e Godiva a Torino, Armani Casa a Milano, presto nuovi accordi, uno coinvolgerà anche Alagna.

E poi la curiosità che presto sarà possibile comprare i complimenti d’arredo che piacciono dentro la struttura.

Ovviamente, c’è anche una Spa, con una piscina che è un piccolo angolo di paradiso, con l’acqua a 34 gradi, trattata con sali che sono un’alternativa all’uso di cloro e che riportano al principio dell’alcalinità.

E intorno all’Hotel cosa si trova? Un piccolo paese con 400 abitanti (nei periodi senza turisti), che rappresenta un gioiello della cultura Walser, le popolazioni del centro Europa che da sempre vivono in altura e che qui hanno fondato 25 frazioni.

E dal centro del paese parte un impianto di risalita che collega Alagna a Gressoney. Pochi minuti salendo al passo Salati per poi scendere in Valle D’Aosta, due ore e mezza di macchina se sbagliate l’orario del rientro quando avete gli sci ai piedi.

Ho fatto un giretto a quota 3.300 metri, ho cercato di raccontarlo anche attraverso un paio di video a 360 gradi. Vi ricordo che per vederlo a 360 gradi vi serve chrome, non funziona con Safari.

Posto assolutamente spettacolare, direi meraviglioso!

Ma non c’è solo montagna: come già accennato, questa è la culla di una delle culture più antiche d’Europa, la comunità Walser, un esempio di organizzazione e di coordinamento incredibili se rapportate alla loro epoca, a cavallo tra 1.200 e 1.600.

Se volete conoscere un po’ di questo straordinario popolo, un weekend qui può essere un buon punto di partenza.

Sono felice di aver conosciuto una realtà, allegroitalia, di cui avevo solo letto sui giornali nelle pagine di Finanza e che avevo incrociato perché gestiva fino a poco fa un hotel nella mia città.

Ho scoperto altri dettagli interessanti, che mi piacerebbe raccontarvi, lo farò a breve.

Condividi:
Tempo di lettura:4 min
Page 1 of 311234102030...Last »