Categorie
opinioni

Come (dis)informare sulla realtà

Ieri sera, nel mio peregrinare notturno su siti internet di vario genere, sono incappato nell’intervista che Casaleggio ha rilasciato al giornalista Nuzzi.

Come potrete sentire, si tratta di una intervista molto equilibrata, in cui il giornalista fa il suo lavoro, ponendo in alcuni casi domande “scomode” al proprio interlocutore, che risponde secondo me con alcune tematiche molto interessanti.

Fa un accenno molto importante al vincolo di mandato, ovvero all’obbligo di un deputato di rispondere alla delega ricevuta dal proprio elettore, risponde anche ad alcuni dubbi mossi circa una democrazia basata su Internet in un paese in cui la penetrazione della rete è ancora molto bassa.

Devo dire la verità: per come avevo letto dipinto qua e là il personaggio sono rimasto quasi sorpreso dalla pacatezza e dalla lucidità dei pensieri esposti.

Poi ho cercato alcune informazioni on-line, incappando nei commenti all’intervista fatti da alcuni giornali e da siti internet.

I casi sono due: o è in atto una campagna discriminatoria mirata, o io sono impazzito e non sono più in grado di capire le parole che le persone pronunciano.

Fatemi un favore, spendete qualche minuto guardando questa intervista. Poi cercate i commenti ad essa che sono stati pubblicati ieri e oggi dai vari siti internet importanti. Trovate qualche corrispondenza?

Di Luca

Luca Viscardi è da anni una delle voci presenti nell'etere italiano. Qualcuno pensa che quegli anni siano troppi, Luca di solito risponde con una frase lapidaria: "Hanno ragione, ma tengo famiglia!" Ogni mattina conduce "Gli inaffidabili" su Radio Number One; nel fine settimana si dedica alla tecnologia e conduce "Mr. Gadget"

9 risposte su “Come (dis)informare sulla realtà”

Ciao Luca, esprimo il mio personale parere;
Mi sembra assai ovvio che (mediaticamente) stanno costruendo un MOSTRO su Casaleggio, DEVONO farlo, se vogliono mantenere lo status quo, non sei pazzo, altrimenti lo sarei anch’io 😀
Il vero problema è che purtroppo i mezzi di comunicazione che ha il M5S sono quasi nulli, se paragonati a quello che ha nelle mani Berlusconi, il M5S costituisce l’UNICA/VERA alternativa a questa accozzaglia di usurpatori della democrazia, è interessante capire come il popolo sia SOTTO SCACCO, e non se ne renda conto, io personalmente, ero uno di quelli, che votavano Berlusconi (che pirla che sono stato) e lo hanno fatto per anni, a un certo punto ho raggiunto un livello di coscienza (se così vogliamo chiamarlo) superiore, come se adesso riuscissi a vedere l’inganno, e non sono mai stato così sicuro di quello che dico.
In realtà sappiamo benissimo (noi che abbiamo capito) che c’è in atto una vera e propria guerra mediatica fra l’informazione mainstream e la rete, per chi si accaparra più “ignoranti”, sappiamo altresì che DESTRA e SINISTRA non sono altro che un inganno nell’inganno, è come se mettessi una mucca davanti ad un unica strada che che conduce al mattatoio, divisa però da un muro con su scritto DESTRA e SINISTRA, la mucca avrebbe l’illusione di scegliere, ma alla fine andrebbe comunque al macello.
Una volta che la nostra coscienza acquisisce questo livello di comprensione delle cose, non si torna più indietro, un po come la pillola rossa e la pillola blu di Matrix, (e qui posso sembrare paranoico, ma non lo sono).
La guerra che stanno facendo TUTTI UNITI contro il M5S è volta a demonizzare (prima) e distruggere (poi) l’unica forza che può e creerà sempre più problemi di quelli che loro potranno mai immaginare.
Il processo evolutivo in questo senso è INCONTROVERTIBILE, possono fare quello che vogliono, ma non potranno fermare il cambiamento, insabbiano, nascondono, minacciano… ma HANNO PAURA, e finirà presto, anzi prestissimo!!!

no non sei pazzo Luca, sei semplicemente grillino, e come tale ritieni oro colato tutto ciò che dicono Casaleggio e Grillo, sempre, e vorresti, parlando di democrazia, che tutti la pensassero come i grillini, e se uno la pensa diversamente è stupido, o scemo, o fesso, o rincoglionito dalle tv di Berlusconi; no, troppo facile, troppo scontato…! semplicemente siamo in democrazia, e ognuno la pensa come vuole. Le ultime elezioni politiche hanno dimostrato che circa 1 italiano su 4 la pensa come Grillo, il peso del movimento 5 stelle è del 25%, il resto è aria fritta, 3/4 di italiani non vedono in Grillo la soluzione ai problemi del paese, è questa la democrazia. I giornali e le tv dànno fin troppo spazio, a mio avviso, a uno che snobba i media e fa coprire le telecamere durante i suoi spettacoli in piazza, e fa della lotta ai giornalisti la sua maggiore fonte di successo… continui pure i suoi proclami su internet, e non si meravigli se la stampa parla di loro come una “setta” che fa riunioni a porte chiuse in parlamento… e, per finire, sempre parlando di democrazia, nello stile del movimento se qualcuno non è d’accordo va espulso.

no, guarda, stai proprio sbagliando di grosso. io non sono proprio “grillino”, perché penso che in mezzo a cose giuste grillo dica anche un sacco di cazzate, o di utopie, che in quanto tali non sono realizzabili e quindi inutili da perseguire. io credo nella forza del movimento 5 stelle, che è un principio diverso, ma non è detto che in un paese di tifosi sia facile capirlo, perché credo possa aiutare a smascherare il grande bluff, cioè che PD e PDL fingono di farsi la guerra, poi sulle cose che contano vanno a braccetto da 60 anni, da quando i democristiani fingevano di litigare con i comunisti e poi si mettevano d’accordo per spartirsi posti e denaro.

Non mi preoccupa che il movimento 5 stelle dica anche cazzate, perché tanto non governerà mai, ma può aiutarci a capire cosa succede davvero in quei palazzi, vedi finanziamento ai partiti, di cui abbiamo letto ieri.

ma tu il video l’hai visto? Hai speso quei minuti necessari a farti un’idea personalmente?

Casaleggio parla di vincolo di mandato, cioè dell’obbligo di tenere fede al patto con gli elettori da parte di un deputato. Io ti eleggo con il PDL, tu scazzi con Alfano e vai con il PD. Ma io ti ho dato mandato per andare da un’altra, come la mettiamo?!? Ti pare tanto strano? (e vale per qualunque parte politica)

Sulle espulsioni, vogliamo smettere di dire cazzate?!? Perché sono solo cazzate. Io firmo un regolamento per entrare al casinò con la giacca e la cravatta. non è detto che la giacca e la cravatta siano la cosa giusta, ma io accetto la condizione.

poi entro e mi tolgo entrambi. molto educatamente, gli steward mi danno un calcio nel culo e mi buttano fuori. si chiamano regole. quelli che usano la parola democrazia senza nemmeno sapere cosa sia, dovrebbero imparare il significato di quella parolina magica, regola.

E la ragione per cui siamo un paese nella merda, per altro senza speranza, è che per noi rispettare le regole è out. Per noi e per quattro paesi terzomondiali. Per gli altri, quelli che sanno cosa vuol dire regole e cosa vuol dire rispettarle il mondo gira in modo diverso.

E, per favore, non insultare l’intelligenza di chi legge dicendo che se il 25% vota grillo, per il 75% non va bene, perchè il mondo (in democrazia) si legge in modo diverso. Quello di Grillo è il primo partito, non ne esiste un altro in grado di prendere più voti. E aggiungo che gli altri, quelli che vanno bene secondo te, se avessero anche solo accennato ai propri elettori che dopo aver litigato per finta ci sarebbe stata la “larga intesa”, oggi grillo avrebbe il 40%.

Dai, fate i bravi…

e menomale che non sei grillino… se lo dici tu… la stessa cosa quando inizi un articolo sui cellulari con la frase “io non ho religioni” ma poi sempre li vai a parare, APPLE, il dio iPhone…! e Windows m*rda! 🙂
Ricordati, a proposito della finta lite tra PD e PDL che Berlusconi ce lo ritroviamo ancora tra i piedi al governo stavolta proprio per colpa di Grillo che per 2 mesi ha chiuso le porte alla trattativa con Bersani che gli chiedeva di coalizzarsi. Bene, non vuoi Bersani? non vuoi trattare col PD? Ok. Il risultato è che il PD si è messo col PDL, o forse Grillo pensava che, forte del suo 25%, sarebbe riuscito a farci tornare alle urne?
Tu purtroppo, lo ripeto, parli da grillino, e mi dispiace xche non te ne rendi conto quando dici “in un paese di tifosi non è facile capire la forza del movimento 5 stelle”, stai esplicitamente dicendo che Grillo è bene e chi non lo vota non capisce. Magari invece chi non lo vota ha capito che non è bene, hai pensato a questa possibilità? Stiamo parlando di un partito che ha appena preso il 25% alle politiche. Punto. E’ inutile continuare a dire che se non ci fosse stato questo o quell’altro, se non si si fosse saputo, se non avessero fatto o detto… ecc… avrebbe preso il 40% chi l’ha detto? ragionando sui se e sui ma non si va da nessuna parte. I fatti sono questi: alle politiche si sono scontrati PD, PDL, Grillo e Monti, sostanzialmente. Le briciole sono andate a Giannino e Ingroia. Gli elettori sapevano bene che PD e PDL erano alternative a Grillo e così hanno deciso. Questa è la democrazia.
Se uno firma l’adesione ad un partito/movimento e come forma di obbedienza accetta in tutto e per tutto ciò che dice il capo, senza mai contraddire o esprimere un giudizio (perché è questo che è successo, nessuno si è tolto la cravatta al casinò, hanno semplicemente criticato alcuni aspetti sulla gestione del partito) direi che più che partito sembra una setta, tipo scientology o affini. A questo punto direi ai futuri grillini che vogliono malauguratamente iscriversi di leggere bene come si fa con i contratti in banca, prima di firmare, pena la risoluzione unilaterale del contratto in caso di non rispetto delle “regole”. Tanti auguri al partito del futuro.

mi piego all’evidenza del fatto che tu conosca i miei pensieri meglio di me.
ma guarda, sei veramente infallibile: tanto è vero che io uso un HTC One.

caro perplesso, hai x caso anche un nome e magari un cognome ? Il problema di quello che scrivi non é che tu la pensi diversamente da altri, che in democrazia ci sta… Ma sono i contenuti che citi …che sono fuori dalla realtà. Chi sta governando il paese democratico (solo se ti piace sognarlo ) sono due partiti Pd e PDL che sulla carta hanno due programmi e due di ideologie opposte e che con tutte le bricioline dei micro partiti affamati di poltrone hanno raggiunto il risultato di grillo …quindi sei fuori strada, completamente. Chi sta dettando regole in questo paese sono dei partiti messi li da un presidente al secondo mandato anti costituzionale che non é stato votato da nessuno dei cittadini.
Quindi i partiti setta chi sono ? Che problemi hai?? Ma che scrivi ???? Ma soprattutto …chi e cosa stai sostenendo ?

Signore e Signori,
ecco il classico elettore del PD, quello per cui vale solo il suo punto di vista, per cui la sola posizione o idea plausibile è quella personale. Peccato che sia così sfigato da non scrivere nemmeno il suo nome e cognome, a differenza di Luca con cui spesso non sono d’accordo ma che apprezzo perché è uno dei pochi a metterci sempre la faccia.
L’elettore del PD no. Lui tira il sasso e nasconde la mano, come si vede qui sopra.
Di solito si riconosce anche dal fatto che per lui è stronzo Grillo, è stronzo Berlusconi e anche chi del suo partito non la pensa strettamente come lui.
Ha capito tutto di come va il mondo, ma è il mondo che non capisce lui; anche quando svicola a domande facili facili.
Tu non vorresti il vincolo di mandato? Non vorresti l’abolizione del finanziamento dei partiti?
E sui casi delle espulsioni, cerca di informarti: i personaggi espulsi hanno violato un patto da loro sottoscritto per cui parlano con i media solo i capigruppo, che vengono cambiati ogni tre mesi con una rotazione continua, eletti dal gruppo parlamentare e non dal vertice di partito.
Sono stati espulsi perché hanno violato un patto, una regola, una condizione sottoscritta liberamente.
Ma da come rispondi, si capisce che è un principio che proprio non comprendi.
Ma che ne sapete voi di regole? Avete detto “mai con Berlusconi”, poi guarda che bel governo. Perchè “MAI” vuol dire “MAI”, non vuol dire forse se non ci dice sì Grillo allora magari andiamo con Berlusconi.
Però la cosa più ridicola che scrivi è la tua analisi del voto: mettiti a posto, perché prima o poi ti dovrai piegare all’evidenza che Babbo Natale non esiste.

Dio mio, ma che c***o dici?
Ma le pensi veramente queste cose o stamattina eri ubriaco?
Luca, per favore, censura minchiate di questo tipo!

Mi spiace roby, ma la censura non fa parte del mio modo di concepire il dialogo.
“disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di esprimerlo” (frase attribuita a Voltaire, ma che pure lui non abbia mai detto)

I commenti sono chiusi