Travel

Travel

VIAGGI DA RACCONTARE

Food

Food

POSTI DA CONSIGLIARE

Ideas

Ideas

IDEE DA CONDIVIDERE

Che finimmo a scattare foto dei figli che girano sulle giostre.

Non so a che punto della vita abbiamo preso quella direzione e nemmeno ho chiaro se al bivio ci fossero indicazioni chiare.

Ma siamo qui.  In una grigia giornata di gennaio a guardare un fagottino sorridente che gira come una trottola con l’aria felice.

image

E lo sai che quando sarà il momento di scendere non saprai dire no alla richiesta di un altro giro,  perché in fondo a te cosa costa e poi perché togliere una soddisfazione così grande ad un prezzo così modesto?

Chissà quando arriva il momento in cui il giro in giostra non piace più? Tutto sommato sarebbe meglio se non arrivasse mai,  avremmo mille delusioni in meno.

E fu così,  che mentre scatti una foto cerchi di capire come dentro un nanetto così piccolo ci possa stare un amore così grande.

E vai a comprare un altro gettone.  Per poi scattare un’altra foto.

Condividi:
Tempo di lettura:1 min

Le belle idee hanno sempre un grosso problema. Dalla testa di chi le genera passano poi all’essere umano. Che nella stragrande maggioranza delle volte le stravolge, spesso le rovina. L’idea in questione é Airbnb, che in teoria é un’iniziativa fantastica, per mettere in contatto chi ha una casa e vuole affittarla (tutta (o inparte) chi viaggia. Di solito, dovrebbe essere un contatto diretto, molto umano, tra chi ha una proprietà e chi vuole viaggiareevitando gli hotel con la formula del Bed and breakfast. Dico “dovrebbe essere” perché in realtà ormai é una delle tante vetrine che le agenzie  immobiliari usano per rifilare le varie properties che gestiscono al primo che capita. Attenzione quindi ai dettagli, prima di prenotare controllate bene tutte le note che sono riportate, soprattutto alla voce “regole della casa” perché il pasticcio é dietro l’angolo. Ho viaggiato diverse volte con airbnb e mi sono trovato molto bene, ma l’attuale esperienza ha cambiato notevolmente la mia valutazione del sistema: ho affittato un appartamento apparentemente molto vantaggioso, salvo scoprire poi (colpa mia per non avere controllato adeguatamente prima) che:

– le lenzuola non sono incluse (extra)

– le pulizie finali non sono incluse (extra)

– la carta igienica é un optional (a pagamento)

– l’appartamento non ha riscaldamento ma solo aria condizionata/pompe di calore (mortale per la salute il riscaldamento ad aria calda)

– il bagno é così piccolo che é difficile entrarci

– il letto in camera é una piazza e mezza anziché doppio. Non vi sto a dire altri particolari, ma stiamo insomma parlando di una proprietà proposta in affitto diciamo ad un prezzo che diventa quasi doppio aggiungendo servizi che sono essenziali.

Per altro é la prima volta che mi accade, il che significa che ciò che ricevete dipende dalla proprietà dell’immobile e che sta a chi prenota fare attenzione ai dettagli, airbnb non garantisce da sola uno standard di servizio.

Condividi:
Tempo di lettura:1 min

Capisco in queste ore che cosa volessero dirmi quelli che mi spiegavano che il natale é speciale quando c’è un nano in casa.

Me ne rendo conto ora che il bombolino é tra noi.

Da una parte lo schermo per monitorare i movimenti di Babbo Natale, dall’altra la macchina fotografica per immortalare la famiglia.

In mezzo, l’attesa dei regali e dell’incontro con le renne.

Ci siamo. Siamo nel tunnel del Natale. Spero che anche il vostro sia felice!

Buon Natale!

Condividi:
Tempo di lettura:1 min

Radio affects people life. La radio tocca la vita delle persone.

Parte tutto da li.
Arriva tutto li.

Oggi siamo riusciti a far vivere lo spirito della radio, la magia della scatola, che in modo unico, insuperabile, impalpabile ma straordinariamente efficace entra nella vita delle persone, le muove e lascia il segno.

Da anni Grant ed io abbiamo in testa di fare ciò che abbiamo realizzato in queste settimane: usare la creatività della radio e la passione che la lega alle persone che la ascoltano “to build something special”.

Abbiamo messo il nostro programma all’asta, abbiamo cercato l’aiuto dei nostri ascoltatori e siamo arrivati a raccogliere circa 3.000 euro, che abbiamo devoluto al comitato Maria Letizia Verga, che opera per la ricerca sulla leucemia infantile.

Tanti? Pochi? Non importa. Conta l’operazione fatta oggi di avvicinamento a chi mette tutta la passione del mondo a disposizione di altri.

Conta il calore con cui un’azienda, Nokia Italia, ha risposto alla chiamata.

Conta la generosità di chi aveva fatto un sacco di offerte, prima di quella “vincente”

Conta la dedizione di Tiziana, di Simona, dei miei colleghi, di Omar Fantini e di Melita Toniolo che oggi sono andati all’ospedale di Monza a consegnare i regali di Nokia e di Sport Specialist ai bambini ricoverati in day hospital.

Conta il tempo che alcuni dei ragazzi di Nokia dedicherà con il proprio volontariato al comitato in futuro.

Conta la connessione tra persone e aziende che abbiamo attivato.

Conta il pensiero che qualcuno di vuoi ha dedicato oggi in diretta ai ragazzi assistiti dal comitato e quello che dedicherete magari ora a chi si adopera per loro più di quanto abbiamo fatto noi in questa occasione con un’impegno e una disponibilità insuperabili.

Radio affects people life.
In giornate come questa, anche la mia.

Condividi:
Tempo di lettura:1 min